Impara la procedura corretta per pulire il tuo Bagno .


Cose che ti Serviranno

  • Spugna, spatola lavavetri o spazzola
  • Aspirapolvere
  • Scopa (dalle setole di gomma o classica)
  • Paletta
  • Candeggina
  • Detergente per gabinetto e spazzolone
  • Detergente multiuso per il bagno (in spray o polvere)
  • Secchio
  • Mocio (facoltativo, in un bagno piccolo puoi lavare a terra a mano con una spugna)
  • Stracci
  • Salviette di carta
  • Detergente lavavetri
  • Guanti di gomma
  • Flacone con erogatore spray
  • Detersivo per piatti o per il bucato
  • Paglietta in lana d'acciaio (facoltativo)
  • Spazzolino da denti vecchio o cotton fioc (facoltativo)

Prepara il bagno per la pulizia

  1. Metti da parte tutti gli oggetti che non dovrebbero stare in bagno, ovvero vestiti, tazze e spazzatura. Inoltre, sposta fuori dalla stanza i tavolini o i mobili con le rotelle che utilizzi per riporre cose, in modo da pulire più accuratamente il pavimento
  2. Versa della candeggina o un altro disinfettante nel gabinetto. Metti lo spazzolone al suo interno per igienizzarlo.Assicurati che il pavimento sia libero e la finestra aperta per far cambiare l'aria (se non ce l'hai, accendi l'aspiratore).Per pulire in maniera ecologica, mescola un cucchiaio di bicarbonato di sodio all'interno di un litro d'acqua mischiata con aceto (in una proporzione di 75/25).
  3. Spolvera. In generale, la pulizia di qualsiasi stanza dovrebbe procedere dall'alto verso il basso. Elimina le ragnatele dagli angoli del bagno e sposta polvere e sporco direttamente sul pavimento, per poi spazzare in un secondo momento. È ideale utilizzare un panno in microfibra per pulire a terra, ma in mancanza di altro la scopa va comunque bene.Se i muri sono ricoperti da carta da parati, avvolgi le setole di una spazzola con un panno in microfibra o della carta da cucina spessa, inumidiscila leggermente e passala delicatamente sulla superficie. Asciuga con uno straccio pulito.
  4. Nelle parti particolarmente sporche, pulisci con un detergente in polvere. Se la vasca da bagno, il lavandino o le aree intorno ai rubinetti hanno calcare o accumuli di sporco, inumidiscili leggermente e spargi un prodotto granuloso. Lascialo in posa per 10-15 minuti mentre ti dedichi ad altro: la sporcizia si scioglierà, quindi potrai strofinare con molta più agevolezza.Leggi le etichette dei prodotti e utilizza solo quelli giusti, che non danneggeranno le superfici. Testali su un punto non visibile prima di usarli effettivamente.

Ora puoi Pulire le superfici.

    1. Pulisci muri, finestre e soffitto. Se noti della muffa, inizia a spruzzare una soluzione a base di candeggina o disinfettante e lasciala agire per un paio di minuti; fallo su tutte le pareti interessate. Puoi anche utilizzare un altro detergente. Con una spugna o un panno pulito, strofina le superfici sulle quali hai applicato il prodotto. Risciacqua con cura per evitare macchie e asciuga con uno straccio pulito.
      • Sarebbe meglio mettere i guanti di gomma mentre si pulisce per evitare che le mani si secchino a causa dell'utilizzo di prodotti aggressivi.
    2. Pulisci la doccia. Spruzza un detergente sulle pareti del box e sul rubinetto e lascialo in posa per qualche minuto. Ti torneranno utili i prodotti in spray appositamente pensati per sbarazzarsi adeguatamente dei residui di sapone dalle vasche che non pulisci da tempo.Se vivi in una zona in cui l'acqua è dura e vedi comparire macchie verdi o marroncine nella doccia, è meglio usare un detergente pensato per eliminare calcio, calcare e ruggine. Mai utilizzare spugne (paglietta in lana d'acciaio compresa) o prodotti abrasivi sulle superfici di porcellana, perché rovineranno la finitura.
    Lascia in ammollo il soffione della doccia. Se dovesse tapparsi a causa di accumuli di calcare o residui di sapone, puoi rimuoverli. Mettilo in ammollo per una notte all'interno di una soluzione a base di aceto e acqua, poi puliscilo con uno spazzolino da denti.
      Infine, pulisci con una spugna le pareti, i rubinetti e il soffione. Risciacquali accuratamente con acqua bollente e asciugali con un panno. Puoi lucidare il rubinetto con della carta da cucina o uno straccio.

        Non dimenticare le tende della doccia: anch'esse sono soggette alla comparsa di muffa. Un composto formato da 2/3 di acqua e 1/3 di candeggina (versalo in una bottiglietta con erogatore spray) può tornarti utile per sbarazzarti delle macchie di muffa. Un'alternativa è toglierle e lavarle in acqua calda con qualche goccia di detersivo e candeggina

         

        Pulisci il lavandino e la zona circostante. Elimina tutti i residui di sapone e dentifricio con qualche goccia di detergente. Risciacqua accuratamente la spugna mentre procedi[1]. Un vecchio spazzolino o un cotton fioc può tornare utile per eliminare lo sporco che si è formato intorno al rubinetto.

        • Assicurati di non pulire il lavandino e la zona circostante con lo stesso straccio o salvietta di carta utilizzata per il gabinetto. Ciò può causare la diffusione di germi potenzialmente dannosi. Per prevenirlo, usa uno straccio specifico, destinato solo al WC.
        • Pulisci la parte frontale e superiore di mobili e cassettoni. Dovresti usare acqua calda saponata per farlo. Se ti preoccupa la proliferazione dei germi su queste superfici, aggiungi un pizzico di candeggina.

        Pulisci lo specchio. Utilizza un detergente lavavetri, risciacqualo ed elimina gli eccessi d'acqua con un panno o una spatola lavavetri. Per renderlo più brillante, aggiungi qualche goccia d'aceto all'acqua.

         

        Pulisci la parte esterna del gabinetto. Passa un panno impregnato di disinfettante sulla superficie esterna. Inizia dal pulsante dello scarico per non tornarci su e rischiare di contaminarlo. Lava e risciacqua accuratamente le superfici esterne del gabinetto, includendo il lato inferiore, la base, il sedile (sia sotto sia sopra) e le cerniere. Usa un panno e un detergente o un altro prodotto disinfettante.

        • Non dimenticare di usare un panno specificamente designato per pulire il gabinetto, altrimenti utilizza della carta da cucina (buttala nel secchio dell'immondizia, non scaricarla).

        Pulisci il gabinetto con un prodotto apposito e uno spazzolone. Se lasci agire l'acqua saponata e hai un po' di pazienza, lo sporco si dissolverà senza insistere tanto. Innanzitutto, rivesti la parte interna del water con un detergente acido viscoso, reperibile al supermercato. Presta particolare attenzione: copri l'intero bordo interno del gabinetto, in modo che il prodotto scorra verso il basso[2].

        • Lascia il detergente in posa per almeno mezz'ora prima di strofinare tutta la parte interna del gabinetto, anche sotto al bordo, con lo spazzolone. In seguito, lascia agire il prodotto un po' più a lungo dopo essersi distribuito bene, creando un rivestimento omogeneo grazie allo strofinamento iniziale. Infine, spazzola un altro po' e attiva lo scarico.

        Spazza e passa il mocio sul pavimento. Inizia dal punto più lontano dalla porta. Raccogli tutta la polvere e lo sporco che si sono accumulati sul suolo, poi lava a terra usando una soluzione a base di acqua saponata e candeggina. Ricorda di risciacquare con acqua pulita per rimuovere i residui di sapone: potrebbero farti scivolare. Non tralasciare i lati del gabinetto, quelli ancorati al suolo. Quest'area è notoriamente sporca. Non dimenticare di pulire i battiscopa, dove solitamente si accumula un sacco di polvere.

        Prendi un vecchio spazzolino da denti e pulisci accuratamente le parti difficili da raggiungere. Sbarazzati di tutte le macchie di dentifricio sul lavandino. Applica una piccola quantità di candeggina o un altro prodotto apposito sullo spazzolino e usalo per strofinare. Aiuta a raggiungere le aree strette o che hanno bisogno di una pulizia molto profonda.

        Consigli

        • Risciacqua la spugna o la spazzola diverse volte mentre procedi. Cambia l'acqua che usi per lavare a terra quando si sporca. L'obiettivo di pulire il bagno è eliminare la sporcizia, non trascinarla per la stanza.
        • Ci sono tante fessure e parti nascoste minuscole irraggiungibili con una spugna o un panno. Puoi utilizzare un cotton fioc o uno spazzolino da denti (pensato unicamente per questo scopo, ovviamente!) per occuparti di questi angoli difficili e pulire tra le piastrelle.
        • Ricorda, il nemico numero uno della muffa è la candeggina. Spesso ne basta qualche goccia per eliminare queste macchie senza nemmeno strofinare.
        • Puoi evitare che lo specchio del bagno si appanni usando della semplice schiuma da barba. Ti basta applicarla sul vetro e strofinarla. Non dovrebbe lasciare segni o macchie. Fa meraviglie.
        • I detergenti che servono a eliminare calcio, calcare e ruggine possono essere spruzzati anche sul soffione della doccia per rimediare alle otturazioni nei fori dovute ad accumuli di calcare. In questo modo, la pressione dell'acqua sarà maggiore. Per risultati ottimali, applicane uno qualche volta alla settimana dopo esserti fatto la doccia.
        • Non dimenticare di pulire il soffitto. Puoi usare una soluzione a base di acqua e candeggina versata in un flacone con erogatore spray per eliminare anche le macchie di muffa in questa zona.
        • Dopo aver pulito accuratamente la vasca da bagno grazie alle istruzioni di questo articolo, ogni volta che ti lavi puoi usare un detergente apposito privo di risciacquo per mantenere quest'area pulita senza troppi sforzi.
        • Strofina con uno spazzolino da denti impregnato di candeggina tra le piastrelle per eliminare lo sporco che si è accumulato.
        • Una spatola lavavetri fa sembrare gli specchi veramente puliti, senza macchie d'acqua.